Povertà, Centrella: “Fenomeno preoccupante che va aggredito su più fronti”

“L’incremento della povertà assoluta è un fenomeno preoccupante che va affrontato con urgenza, soprattutto perché dagli ultimi dati risulta che la sua incidenza è maggiore nella fascia di età tra i 18 e i 34 anni, ma occorre intervenire su più fronti. Temiamo, infatti, che il solo Reddito di Cittadinanza promosso dal ministro Di Maio non sia sufficiente ad arginare questa piaga”.
Così il segretario generale del Selp – Sindacato europeo lavoratori e pensionati, Giovanni Centrella, commenta il report dell’Istat ‘La povertà in Italia’.
Per il sindacalista “è necessario che il Governo delinei un quadro più ampio di misure atte a rilanciare l’economia e l’occupazione. D’altronde, lo stesso Istituto di Statistica ha chiarito che ‘la povertà assoluta diminuisce tra gli occupati (sia dipendenti sia indipendenti) e aumenta tra i non occupati’. Inoltre, se non stupisce che le famiglie del Sud risultino le più colpite sia dalla povertà assoluta sia da quella relativa, perché conosciamo tutti molto bene i problemi endemici della nostra nazione, è significativo il fatto che la presenza nelle famiglie di persone oltre i 64 anni abbassi tale incidenza, facendole raggiungere il valore minimo, a testimonianza del fondamentale contributo dei pensionati al sostegno delle famiglie”.
Per Centrella “questo report basterebbe da solo a dettare le priorità al Governo: più risorse alle famiglie con una politica fiscale redistributiva e più politiche sociali; maggiore attenzione ai giovani con vere politiche attive del lavoro; investimenti mirati a ricomporre il gap tra Nord e Sud”.

Die bezeichnung nativ bezieht sich darauf, dass die werbung in einem dem nutzer bekannten schreib-essay.com umfeld eingebunden wird

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *