Lavoro, Centrella: “Dati Istat dimostrano che non è buona occupazione”

“L’instabilità della situazione politica italiana di questi ultimi giorni rischia di far passare inosservati i dati Istat sul lavoro e l’allarme che, tra le righe, essi inviano a chi si accinge a governare il Paese”.
Lo dichiara il segretario generale del Selp – Sindacato europeo lavoratori e pensionati, Giovanni Centrella, spiegando che “nonostante per il mese di aprile si sia registrato un ‘record storico’ per il numero di occupati (23 milioni e 200 mila), è lo stesso Istituto di statistica a chiarire che diminuiscono i contratti ‘fissi, aumentano quelli a termine e risale il tasso di disoccupazione giovanile (33,1%), in controtendenza rispetto a quanto accade nel resto d’Europa”.
“Non ci si può entusiasmare, dunque, – prosegue il sindacalista – perché non si tratta di buona occupazione. Di conseguenza, riteniamo che il nuovo governo, qualunque esso sia, debba tenere nella debita considerazione questi dati per affrontare al meglio la grande sfida che lo attende in tema di lavoro: incrementare la sana occupazione, quella dei contratti stabili e dei diritti certi, che restituiscono alle famiglie la serenità necessaria a progettare il proprio futuro e a rilanciare i consumi”.

The moral here is that while https://homework-writer.com confronting new frontiers of technology in the classroom, it's never been more important to simplify

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *